This site uses cookies and third-party cookies to provide you with a better experience and service

When navigating or using our services, you agree to our use of them. You can change your cookie settings at any time.

Close

La "Fondazione per il Merito" sostiene l'eccellenza universitaria

Logo dipartimento del tesoro

Sulla scia dell'ormai famigerato "Piano di Sviluppo" nasce la Fondazione per il Merito, istituzione pubblico-privata che ha come obiettivo il sostegno dell'eccellenza negli studi universitari.

La Fondazione mira principalmente a un riconoscimento di merito, pur rispettando le diverse fasce di reddito, concedendo prestiti per la copertura delle spese universitarie, con particolare occhio di riguardo agli studenti fuori sede. In particolare, la Fondazione si pone i seguenti scopi:

  1. Elaborare e gestire una prova nazionale dopo la maturità, per individuare gli studenti meritevoli (eventualmente con il supporto dell'Istituto INVALSI): focus sul merito e non sul reddito
  2. Predisporre un menu di strumenti di sostegno finanziario per gli studenti fuori sede, in particolare un sistema di prestiti con le seguenti caratteristiche:
    • importo di 6-8 mila euro all’anno, per tutto il periodo di studio;
    • durata a lungo termine (20-25 anni);
    • rimborso solo durante la vita lavorativa e non prima;
    • rata proporzionale rispetto al reddito;
    • consistente periodo di pre-ammortamento, fintantoché non si raggiunge una certa soglia minima di reddito;
    • possibilità di interrompere i rimborsi se il reddito scende al di sotto di una certa soglia.
  3. Inoltre:
    • per gli studenti meritevoli che si sono distinti come eccellenti durante gli studi, il prestito potrà essere tramutato in premio di studio in modo totale o parziale e potrà non essere rimborsato (“gli eccellenti ex post”);
    • per i maturati eccellenti (“i migliori dei migliori” tra i partecipanti al test nazionale), la Fondazione potrà valutare di erogare premi di studio per uno o più anni di studio.

Per maggiori informazioni consultare la pagina web sul sito del Dipartimento del Tesoro e scaricare i documenti informativi

Fonte: Panel di discussione - Roma, 26 luglio 2011

Studio Invento professionisti Joomla! Bologna