Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie

I cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito e alla profilazione dell'utente per fini statistici. Proseguendo nella navigazione o chiudendo questa finestra, presti il tuo consenso all'installazione dei cookie.

Chiudi

Il nuovo anno scolastico: statistiche e novità

Back to schoolNel mese di Settembre, circa 7,8 milioni di studenti sono rientrati tra i banchi. I licei si confermano al vertice delle scelte di genitori e alunni. La percentuale di iscritti al primo anno dell'intero sistema liceale italiano ha registrato un aumento del 3% rispetto all'anno scorso. Al primo posto tra le scelte si trova il liceo scientifico opzione "scienze applicate" (+2%), segue il liceo linguistico (1,5%). In leggera crescita anche il liceo delle scienze umane (0,5%) e il liceo classico (0,2%). Il liceo scientifico tradizionale scende nelle preferenze (-0,8%).

Nel settore Itis, passi avanti per l'istituto tecnico, settore tecnologico (+1,1%) e calo per il settore economico (-0,7%).

Continuano a perdere terreno gli istituti professionali (-3,4%), analoghi a quello presente nel Comune di Medicina, a conferma della perdita di attrazione dell'intero settore, caratterizzato, tra l'altro, da punte altissime di dispersione e abbandono scolastico.

Le principali novità sono: istituzione degli Its, un corso biennale post-diploma alternativo alle lauree triennali. Una soluzione che in altri paesi europei (dove, è da notare, esiste una connessione aziende/scuole molto più efficiente che in Italia) si è rivelata vincente nel creare figure professionali specializzate e pronte a inserirsi nel mondo del lavoro. Riforma dell'apprendistato, ovvero la possibilità di conseguire in ambiente di lavoro, entro i 25 anni di età, una qualifica triennale o un diploma professionale. Adozione di libri digitali o misti, secondo il MIUR sarà così possibile abbattere il 50% dei costi affrontati dalle famiglie per i libri scolastici. Istituzione del portale Scuola Mia, attraverso il quale sarà possibile prenotare colloqui, richiedere certificati, visualizzare la pagella, effettuare iscrizioni e pagamenti (scarica la guida, disponibile anche sul portale).

Dovrebbe inoltre venire istituita la "Fondazione per il merito", un sistema di premiazione degli studenti in uscita dalla scuola superiore, e diretti all'Università. Gli studenti che otterranno la maturità con un voto di almeno 80/100 potranno accedere a un test nazionale, in base al quale sarà possibile ottenere, al di là delle condizioni economiche, borse di studio o prestiti fino a 10.000 Euro/anno (regolamentati da criteri di valutazione annui). Quest'anno dovrebbero essere istituite circa 1000 prestiti/borse di studio.

Fonti: Il Sole 24 Ore

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Studio Invento professionisti Joomla! Bologna