Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie

I cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito e alla profilazione dell'utente per fini statistici. Proseguendo nella navigazione o chiudendo questa finestra, presti il tuo consenso all'installazione dei cookie.

Chiudi

Il Governo ridisegna l'Apprendistato

 topolino apprendista stregoneLo Stato, attraverso il Testo Unico sull'apprendistato (dec. legs.14 settembre 2011, n. 167) ha ridefinito e precisato le caratteristiche e le modalità dei contratti di apprendistato, partendo dalla regolazione di un aspetto molto importante: il contratto di apprendistato non è un contratto a termine. Il Testo Unico dichiara espressamente che trattasi di un contratto a tempo indeterminato. E' però un contratto con alcune caratteristiche peculiari. Intanto finché non termina il periodo di formazione (questo sì a termine) il lavoratore può essere inquadrato sino a due livelli in meno rispetto alle mansioni effettivamente svolte e può ricevere un trattamento retributivo ridotto. Inoltre, al momento della fine del periodo di formazione, il datore può recedere, senza motivo, dal contratto. Infine, durante il periodo di formazione, il datore gode di incentivi contributivi.

Il contratto di lavoro da apprendista è disciplinao in maniera unitaria, ma è contraddistinto da tre diversi percorsi formativi che si differenziano per scopi ed età dei giovani che vengono assunti. Prendono il nome di apprendistato qualificante, professionalizzante e di alta formazione.

Apprendistato qualificante

E' finalizzato al conseguimento del diploma e può coinvolgere giovani tra i 15 ed i 25 anni. La durata del perido di formazione è stabilito dalle Regioni, in funzione della qualifica o del diploma da conseguire. La durata massima è comunque di tre anni (elevati a quattro per i diplomi quadriennali regionali)

Apprendistato professionalizzante

Finalizzato all'ottenimento di un mestiere e riservato a giovani tra i 18 ed i 29 anni, ha una durata variabile in funzione dell'età del contraente (l'apprendista) e del tipo di qualifica da conseguire, in ogni caso il massimo è sempre tre anni (possono diventare cinque per quei contratti relativi a speciali figure professionali nell'ambito dell'artigianto, per le quali la contrattazione collettiva di settore ritenfa necessario alzare il periodo di formazione).

Apprendistato di alta formazione e ricerca

E' finalizzato all'ottenimento di master e titoli secondari (diplomi di scuola secondaria, ma anche titoli universitari e dottorati di ricerca) e, come il precedente, interessa giovani tra i 18 ed i 29 anni. La durata è stabilita da apposite intese stipulate tra le Regioni e le associazioni territoriali dei datori di lavoro e dei prestatori di lavoro, le Università, gli istituti tecnici professionali e altre istituzioni formative o di ricerca. Il Testo Unico non fissa un tetto massimo di anni. Il contratto può essere utilizzato in tutti i settori, compresa la Pubblica Amministrazione. Per i soggetti in possesso di una qualifica professionale il contratto può essere stipulato a partire dal 17° anno di età.

Possono usufruire di questa tipologia di contratto anche coloro che sono ambiscono ad una specializzazione tecnica superiore o ad un diploma di specializzazione tecnologica, per svolgere il praticantato per l'accesso alle professioni ordinistiche, per esperienze professionali o, infine, per lo svolgimento di attività di ricerca.

Fonte Il Sole 24 Ore

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Studio Invento professionisti Joomla! Bologna