Questo sito o gli strumenti terzi da questo utilizzati si avvalgono di cookie

I cookie sono necessari al corretto funzionamento del sito e alla profilazione dell'utente per fini statistici. Proseguendo nella navigazione o chiudendo questa finestra, presti il tuo consenso all'installazione dei cookie.

Chiudi
twilight1.jpgtwilight4.jpg

UN LAMPO NELL’OMBRA. 1909 - Delitti, misteri e batticuore nella Regia Polizia Scientifica di Sergio Rossi - ed. Mondadori 2013

 E' un giallo delizioso e appassionante, ambientato in una Bologna inizio '900 tratteggiata  in modo assai gustoso;  una ricostruzione impeccabile popolata da tante figure intriganti, che sarebbe bello veder ritornare in un nuovo lavoro di Sergio Rossi. Per esempio il libraio anarchico, e soprattutto la contessa. Chissà? Ritmo perfetto, galoppante fino al "dénouement"  finale, di grandioso respiro.

Una Bologna "piccola", "provinciale" come certo lo era a quel tempo, ma proiettata, certo controvoglia, in uno scenario internazionale: sono stati resi molto bene i due piani della vicenda.

La trama in breve (dalla scheda Mondadori). Due cadaveri sono scoperti nello stesso luogo a poche ore di distanza. Intanto, tra i due ritrovamenti, Enea Rossetti, disegnatore per vocazione ma poliziotto per necessità, prende servizio nella Regia Polizia Scientifica e viene gettato nelle indagini che si annunciano subito complicate: uno dei morti è un poliziotto sulle piste di un possibile attentato anarchico. Nel caso entrano uno dopo l'altro anche l'Ufficio Affari Riservati, il servizio segreto non ufficiale del Regno d'Italia; un libraio anarchico amico di una contessa troppo zelante nello svolgimento delle sue attività di beneficenza; alcuni studenti spagnoli appassionati di calcio e politica; un medico vittima di un passato ingombrante; un anziano finanziere austriaco indeciso se evitare una guerra mondiale o accelerarne lo scoppio. Ma in questa città scossa dai fermenti del nuovo secolo, il pericolo maggiore per Enea non verrà tanto da un misterioso assassino, quanto dalle azioni di Elena Grazia Maria Diletta Bentivoglio de Lorenzis (detta Conchita), grande appassionata di medicina e di Sherlock Holmes. L'imprevedibile figlia del capo dell'Ufficio Affari Riservati non solo ha l'innata capacità di trovarsi sempre nel momento sbagliato con le persone sbagliate, ma anche quella di coinvolgere Enea nella più complicata delle storie. Età di lettura: da 10 anni.

 

 

Aggiungi commento


Codice di sicurezza
Aggiorna

Studio Invento professionisti Joomla! Bologna